(1) - TRATTAMENTO MASSAGGIO TANTRICO RITUALE     (2) CORSO MASSAGGIO TANTRICO RITUALE I LIVELLO 23-24 SETTEMBRE 2017 - MANTOVA

Teatro Vivencial – Vivi x Amore

zelattori ok (3)

Vivi x Amore

TEATRO VIVENCIAL
15 novembre 2013 – Venerdi Ore 20 – Milano

Teatro PIME , via Moe' Bianchi 94

Il Teatro Vivencial è un’evoluzione del teatro interattivo dove l’opera è in continuo divenire grazie all’ interazione, appunto, tra attori – storia – spettatori. Nel Teatro Vivencial l’Opera è costituita da un percorso nel mondo degli Archetipi dove gli attori, facendosi personaggi vivi della nostra anima, più che interpretare una storia ci conducono attraverso la nostra storia personale e collettiva proponendoci un’ esperienza attiva, divertente e intensa di conoscenza e trasformazione. Il mondo dei simboli, la forza della musica, la suggestione delle immagini, i gesti altamente significativi, la poesia, la dinamicità e l’improvvisazione sono i punti di forza del Teatro Vivencial, un’ esperienza che vi consigliamo di non perdere. L’elemento innovativo del teatro vivencial e’ il coinvolgimento del pubblico in alcune parti dell’opera , che diventa momento catartico emozionale personale. Il Teatro Vivencial e’ un laboratorio teatrale creato da Monica Antonioli fortemente ispirato all’antico teatro sciamanico di guarigione e al metodo Biodanza sistema Rolando Toro.

PRESENTAZIONE SPETTACOLO

Il grande successo di quest’opera consiste nel coraggio degli attori e del regista di lavorare senza sconti su se stessi per scovare e guardare da vicino i propri vizi scoprendo, non senza l’aiuto d’una sana ironia, di averli, come tutti quanti, proprio tutti!
Ma il consenso del pubblico si deve anche allo sforzo costante di ognuno di fare emergere l’essenza della virtù oggi così screditata. Ispirato ai sistemi classici dei 7 vizi capitali e delle 7 virtù finemente rivisitati per il nostro tempo, VIVI è di un’attualità spiazzante.
L’opera trasporta lo spettatore con ritmo serrato da un Paradiso originario di sana passione e bellezza alla scelta dell’ inferno che tutti, in un modo o nell’altro vediamo e viviamo nelle forme ormai normalizzate di Invidia, Gola, Lussuria, Ira, Avarizia, Accidia e Superbia. Il finale, davvero sorprendente per l’emozione e la luce che riesce ad irradiare, è un riscatto forte della Speranza tutto da godere e vivere, o meglio, tutto da vivenciare!
Regia: Monica Antonioli

************************* VIDEO SPETTACOLO ************************

http://www.youtube.com/watch?v=fbMEVixyVd0&feature=youtu.be

Locandina vivi x amore

ViVi per AMORE

15 Novembre 2013 – ore 20 – Teatro PIME – Milano – via Mose' Bianchi n.94

7 i Vizi per distruggerlo, 7 le Virtù per ricrearlo

“ L’Uomo e la Donna erano così Belli perché, semplicemente,
si sentivano Immensamente Amati.
Caddero, dubitando di poter essere amati ancora di più.
Caddero, dubitando di poter perdere l’Amore.” Anonimo Ebraico

PROLOGO

Molto prima che il Libro della Genesi fosse scritto, una leggenda ebraica narrava che Saatan, che prima di diventare “Colui che divide” era l’Angelo più bello del creato, quando vide l’Uomo e la Donna, fu colto da un’ INVIDIA terribile.

Essi erano bellissimi e, per di più, amatissimi da Dio.
Rapito da un misto di rabbia, disgusto e desiderio di distruzione, studiò la natura dell’Uomo e della Donna finché non trovò l’unico inganno nel quale, forse, sarebbero caduti e che li avrebbe in breve fatti ammalare, invecchiare, morire. “L’Angelo caduto” sapeva che la sorgente della Grazia che illuminava i Corpi degli Uomini, era la CERTEZZA dell’AMORE. Un Amore che non sarebbe mai mancato loro ma che loro, dotati di LIBERTA’, diversamente dalle altre creature, avrebbero sempre avuto il privilegio di scegliere se accettare o non accettare.
Saatan decise dunque di mettere alla prova la GRATITUDINE dell’Uomo e della Donna porgendo loro un primo DUBBIO sull’immensità e l’infinità dell’Amore per il quale erano VIVI.

Se avessero aperto il cuore alla PAURA di perdere l’amore o alla BRAMA di volerne sempre di più , sarebbero precipitati in una sorta di follia che avrebbe presto oscurato la loro memoria di immortalità e con essa il SENSO stesso della Vita.

Visti i risultati, possiamo immaginare come andò la storia.

Quello che da allora stiamo cercando spinti dalla disperazione,
è il modo per riempire il vuoto lasciato dalla scelta di
rifiutare quel ’AMORE. Il Vizio, è il modo peggiore…

Quello che da allora, allo stesso tempo,
stiamo cercando spinti dalla Speranza,
è un modo per RICORDARE che è GRAZIE a quell’AMORE che siamo VIVI.
La Virtù, per ricordare, è il modo migliore…

Per domande, informazioni o iscrizioni scrivete a :

[email protected]