Gli Uomini e le Donne e la Giornata contro la violenza sulle donne.

Vogliamo qui dare una visione un po' diversa dal solito meccanismo stereotipato, che ha come mera finalita' innalzare l'audience dei mass-media senza approfondire,  che alimenta il conflitto tra maschile e femminile, riprendendo uno scritto di Denise Del Trocchio che condividiamo come impostazione, integrandolo con alcune annotazioni, e di cui avevamo gia' scritto. 

Innanzitutto vogliamo far notare come si usino questi termini di CONTRO. Mai una giornata PER la Pace tra Uomini e Donne, ma sempre questo CONTRO quello. Tipico della nostra societa' dualizzante basata sulla competizione estrema. Il "peccato originale" sta anche nel peso delle parole.

"……Molti di noi credono che sia l´uomo ovvero il divino maschile l´unico colpevole di queste vecchie energie che ancora regnano sulla Terra. Vecchie energie che ancora alimentano venti di guerra e di differenza e della dualita' in linea con il velo di Maya Tantrico, la illusione.

Mettendo cosí in evidenza erroneamente che solo attraverso l´energia del femminile divino il Mondo ritroverá l´equilibrio e cosí la tanta agoniata pace. Ma esploriamo insieme cosa differenzia, ma unisce il divino maschile e il divino femminile. 

L´uomo nella sua essenza archetipica superiore ha un energia esploratrice e liberatrice, questo significa che lui é direttamente e costantemente collegato al CIELO, (si dice infatti Padre CIELO) dovete immaginare un filo che lo unisce in modo costante e ininterrotto.

La donna nella sua essenza archetipica superiore ha un energia che accoglie e ritempra, essa é fortemente collegata alla TERRA e come un calice raccoglie tutto ció che deve e lo incamera (si dice infatti Madre TERRA) .

Nella sua essenza profonda il divino maschile scende sulla Terra e pianta i semi della consapevolezza,crea un primo fuoco divino che servirá a creare un incendio di amore incondizionato che risveglierá piano piano in tutti i cuori disposti a riaccogliere la luce e ricreare l' amore.

Nella sua essenza profonda il divino femminile scende sulla Terra e raccoglie tutti i frutti che l´uomo ha piantato, alimentando attraverso il suo Amore incondizionato questo incendio che risveglierá anche i cuori piú duri e non disposti a cambiare.

Questo e' perfettamente in linea con la visione tantrica di Shiva e Shakti, dove nella cosmogonia del Tantra Shiva ,l'energia maschile, ha l'intuizione del progetto del mondo e Shakti ,l'energia femminea, realizza l'universo.

“…Quando la venerata Shakti, fonte di energia, apre gli occhi, l’universo è riassorbito in pura coscienza, quando li chiude l’universo si manifesta dentro di lei. La Vibrazione sacra, luogo della creazione e del ritorno, è completamente senza limiti perché la sua natura è senza forma…” – Spandakarika Tantra

Questa societá del Capitale, dove noi siamo immersi, infonde sia nelle donne che negli uomini, uno stato conflittuale continuo oscurandone le proprie qualitá migliori singolari e unificate. Ponendo al primo posto un energia di attaccamento, controllo possessivo, gelosie e continue concorrenze. Non dimentichiamoci che questa societa' e' fondata sulla competizione estrema.

Trasformando cosi le energie da armoniche a disarmoniche. Questo perché loro devono detenere il controllo e il possesso della coppia, attraverso continui controlli in tutti gli aspetti della loro vita, controlli sui loro pensieri, mettendo cosí limiti e restrizioni nelle generazioni future, per generare un profondo dualismo che causerá solo ulteriori violenze e repressioni.

Noi adesso viviamo in una societa' che alimenta una energia femminile archetipica oscura, (un aspetto su cui non si riflette mai abbastanza) dove tutti usano questa potente e grande energia per detenere il controllo, per esempio le multinazionali, detengono il possesso, il controllo e l´attaccamento, pensiamo a tutte le pubblicitá occulte per esempio. Usano questa energia poiché é disarmonica. Cosí come lo stato, la religione e le forze armate, tutte organizzazioni di controllo che utilizzano la energia femminea accentratrice distonica , l'energia della Arpia.

L´energia femminile disarmonica blocca qualunque tipo di evoluzione, poiché vuole il controllo e ferma qualunque rinascita e rende prigionieri. Infatti quando l'energia del grembo femminile che accoglie viene distorta, diventa una energie che controlla, trattiene, ingloba in forma oscura, una energia che inchioda tutto.

Voi direte ma come é possibile se é l´uomo a capo di tutte queste istituzioni ? Infatti in lui regna questa disarmonia la sua parte femminile é in disarmonia con il resto del creato. Poiché cerca possesso, controllo e attaccamento, che e' una energia archetipica in contrasto con la energia archetipica di liberazione dell'Uomo. Voi non sapete che é una oscura energia femminea distorta a tenere in pugno con la sua dissonante valenza tutti questi uomini di cui altera il divino femminile interiore.

Essa li assolda per i propri fini incorporando nutrendosi della loro luce. Ovviamente qui sulla Terra esiste il libero arbitrio e quindi gli uomini hanno ben fatto e accettato di fare la loro parte in questo gioco del potere femminile involuto, e questa e' una loro Responsabilita'. Occorre pero' uscire dallo stereotipo donne vittime uomini carnefici, perche' questa visione non ci libera.

Questa mera unione di disarmonie ha portato la Terra ad essere coinvolta in tutto ció. Non é ne' colpa del maschile ne' colpa del femminile. É solo attraverso l´unione salda di entrambi le parti guarite, risvegliate, in perfetta sintonia e armonia energetica che questa societá malata e deviata, controllata e violentata da uomini e donne che ancora lottano e sono in conflitto tra di loro, che si troverá la strada per uscire da questa fascia non evolutiva, ma primitiva e di basse frequenze in cui ancora ci dibattiamo.

Non c´é piú bisogno di un maschile che sovrasti il femminile, e non c´é piú bisogno di un femminile che sovrasti il maschile, ma c´é solo bisogno di un unione ferma nella luce di entrambi le parti. Il divino femminile e il divino maschile sono uniti come non mai, essi si nutrono dalla stessa Fonte e lo fanno insieme. Nessuno dei due sa stare senza l´altro. Senza di lei lui non puó manifestarsi su questa Terra. Lui si manifesta attraverso di lei ed entrambi esistono per entrambi. Nessuno puó dividerli, in nessuno spazio tempo. Imparate da loro. Cosa aspettate a seppellire tutti i conflitti e a rimarginare il passato… Siamo nel Qui e Ora e siamo qui per riunirci e divenire uno…."

“…Shiva e' pura coscienza, e' Shakti che attiva tutto, i due sono la stessa cosa, Shiva e' la fiamma e Shakti e' il calore e la luce della fiamma; si puo dividere l'immagine e l'energia della fiamma dalla fiamma stessa? Sono una sola realta' Shiva-Shakti, il bindu e trikona nello yantra. Shiva e' trascendente , e Shakti e' immanente. Non puo’ esistere Shiva senza Shakti, non puo’ esistere Shakti senza Shiva. Se Shiva e’ lo strumento musicale, Shakti e’ il suono emesso dallo strumento. Se Shiva e’ il seme, Shakti e’ il frutto, e cosi’ via. Shiva e’ dunque primordiale ed eterna coscienza senza forma da cui e’ scaturita Shakti, la potenza, la vibrazione, l’energia…” Trikatantrasara

Jose'&Resya TantraLove basato su uno scritto di Denise Simona Del Trocchio

Gli autori di questa pagina sono José & Resya Satchitshanti.