Hatha Yoga

HATHAYOGAPRADIPIKA 

Hatha Yoga Pradipika è un testo di Hatha Yoga ad opera di Svatmarama, un discepolo di Gorakhnath, nel XV secolo. È uno dei principali testi di Hatha Yoga, insieme a Gheranda Samhita e Shiva Samhita ed è considerato il più antico testo di Hatha Yoga che è giunto ai nostri tempi e tratta di molti temi affini alla via Tantrica, in particolare dello scambio dei fluidi d'amore.

Alcuni brani dello Hathayogapradipika hanno il potere di disciogliere come neve al sole alcuni dei luoghi comuni più in voga, prima tra tutti la infondata credenza che siano necessari un corpo ed un temperamento maschile per raggiungere la condizione di illuminato.
Nello yoga il ruolo della donna, in quanto incarnazione del Femminile, è fondamentale.
Nell'immagine sotto, proveniente dal tempio di Chidambaram, alla destra di uno Shiva danzante vediamo due dei grandi maestri dello yoga e della danza indiani, Patanjali (con la coda di serpente) e Vyagrapada (con le zampe di tigre) in un atteggiamento di devozione.
Dall'altra parte una donna. L'atteggiamento, gli abiti, la statura (superiore a quella dei due yogin) di questa incarnazione della Dea sembrano indicarcela come la maestra del gruppo. Ma lo Hatha Yoga Pradipika, se lo si studia con attenzione, è una vera e propria miniera d'oro.

Alcuni sutra della parte terza:
3.1: 
"Le teste dei naga sono il pilastro del mondo, con le sue montagne e foreste.
Allo stesso modo kundalini è il pilastro del tantra yoga"

3.99
"La donna che acquisisce abilità nella pratica sessuale, aspira contraendo i muscoli sottili della vagina, lo sperma e trattiene i propri fluidi vaginali, è una yogini"

3.100
"Nel suo corpo non andrà perduta una solo goccia di fluido femminile. nel suo corpo il suono assumerà la forma del seme"

3.101
"Lo sperma e i fluidi vaginali mescolati all'interno del suo corpo, attraverso la pratica di Vajroli  portano alla realizzazione finale"

3.102
"E' una yogini colei che risucchia il proprio fluido vaginale verso l'alto. Conosce il passato e il futuro e danza nel cielo" 
[cfr. Yoga Sutra 4,42]

3.103
"La perfezione del corpo [cfr. yoga sutra 3, 46] si ottiene con l'aspirazione dei fluidi vaginali e dello sperma. Questo yoga porta alla realizzazione anche se si gode dell'orgasmo"

Dunque per i Nath (Hatha Yoga Pradipika è testo della tradizione nath) la donna che padroneggia le tecniche sessuali e "risucchia i propri fluidi genitali verso l'alto" è una Yogini (che non è il femminile di Yogin, ma significa incarnazione della Dea) ed una danzatrice del cielo (altro nome delle Dakini).Un'altra cosa interessante è che per lo Hatha Yoga Pradipika, isvari, Shakti e kundalini sono la stessa cosa. 

Non è vero, come sostengono alcuni, che ci sono vari tipi di Yoga: lo Yoga è uno solo, cambiano i nomi:

3.104 
"La tortuosa (Kutilangi), colei che si eleva ( Kundalini), il serpente femmina (Bhujangi), la Shakti, Isvari, Kundali, Arundhati non sono altro che sinonimi" 

Nei testi indiani si trovano frequenti riferimenti allo "stupro della Vedova" e l'ignoranza, di molti, ha portato a fantasticare su pratiche sessuali stravaganti o a credere che nel tantra si permetta o addirittura si consigli la violenza sulle donne.
Niente di più sbagliato: la Vedova è Shakti e il defunto, il mahāpreta è Shiva. 
Per "stupro della Vedova" si intende una tecnica di alchimia interiore che consiste nell'IMPEDIRE A KUNDALINI DI RIDISCENDERE VERSO GLI ORGANI GENITALI DOPO LA SUA ASCESA AL CHAKRA DELL'OMBELICO IN MODO DA FARLA RISALIRE AL CHAKRA DEL CUORE.

3.109 
"Tra il Gange e lo Yamuna la giovane vedova è in ritiro. 
Bisogna possederla e stuprarla. 
Così si rivela il supremo seggio di Visnu" 

Nelle raffigurazioni tantriche, nel corpo dello yogin si dipinge spesso una spirale sotto l'ombelico e una giovane donna nuda che nuota sotto il plesso solare
Sopra all'altezza del cuore ci sono alcuni fiori di loto della tradizione tantrica (verde, giallo, blu, rosso, bianco a 32, 64, 8, 16 e 32 petali).La giovane vedova è una modificazione della Kundalini che porta all'apertura dei cakra segreti, apertura conseguente allo scioglimento del nodo del Cuore (Visnu Granti). 
Lo Hatha Yoga Pradipika mi pare molto chiaro in proposito:

3.110 

"Il Gange è Ida, Yamuna è Pingala, la giovane vedova è Kundalini"

Un altro brano molto interessante si trova nel capitolo quarto. 

राज-योगः समाधिश्छ उन्मनी छ मनोन्मनी | 

अमरत्वं लयस्तत्त्वं शून्याशून्यं परं पदम || ३ || 

अमनस्कं तथाद्वैतं निरालम्बं निरञ्जनम | 

जीवन्मुक्तिश्छ सहजा तुर्या छेत्येक-वाछकाः || ४ || 

rāja-yoghaḥ samādhiścha unmanī cha manonmanī | 

amaratvaṃ layastattvaṃ śūnyāśūnyaṃ paraṃ padam || 3 || 

amanaskaṃ tathādvaitaṃ nirālambaṃ nirañjanam | 

jīvanmuktiścha sahajā turyā chetyeka-vāchakāḥ || 4 || 

La traduzione è questa:

"Raja yoga, samadhi, estinguere il manas, andare oltre il manas, Realtà, Sunya…. stato del jivanmukta, sahaja, turiya… significano tutti la stessa cosa" 

Esiste un solo yoga e un solo Tantra.
Siamo noi che, per ignoranza o malafede creiamo differenze.

Gli autori di questa pagina sono José & Resya Satchitshanti.