I bambini e i loro abbracci, ci insegnano qualcosa sul “distanziamento sociale”

Eccoli  li nella loro purezza e nella loro naturalezza nell’abbraccio questi bellissimi bambini ci insegnano qualcosa sul coronavirus e sulla razza umana e sul “distanziamento sociale”

Nella problematica del coronavirus, alimentata da falsi dati e false risultanze per instillare il terrore nelle persone e renderle piu’ manipolabili, ci focalizziamo molto sulle grosse difficolta’ economiche reali e legittime che la situazione ha generato, attraverso quarantene e lockdown selvaggi.

L’aver affrontato una influenza, trasformandola falsamente in peste nera del 1300, ha sovramplificato in forma illegittima dei provvedimenti durissimi non giustificati. Questi provvedimenti non congrui ed esagerati hanno messo in ginocchio l’intera l’economia italiana e mondiale.

La economia a livello energetico e’ importante, perche’ rappresenta il nostro primo chackra, il chackra del sostentamento, della fiducia, del radicamento. Mettere in discussione questo chackra significa minare alla base tutta la energia della umanita’.

In passato Federico II e Hitler fecero degli esperimenti aberranti e criticabili, ma significativi. Isolarono dei bambini, che avevano ogni cosa, cibo, riscaldamento, giochi, ma erano privati dell’accudimento, erano privati del contatto umano, degli abbracci, delle carezze per mesi. Uno dopo l’altro i bambini morivano. Hitler fece fare delle autopsie per capire la causa del decesso, ma inutilmente, non c’era una vera e propria causa. Era come se i bambini si fossero “spenti”  e “consunti”.

C’e’ quindi qualcosa di piu’ oltre la economia.

Nella loro spontaneita’ i bambini con i loro abbracci naturali ci ricordano con efficacia da dove proviene l’energia del genere umano.

La nostra specie si distingue per la convivialita’ e la affettivita’, generata da una predisposizione innata al contatto che deriva dal cervello limbico che e’ una prerogativa del nostro essere come umani. Al nostra specie e’ gruppale e sociale e cosi’ si e’ affinata nel corso di milioni di anni. 

Il sistema limbico è costituito da un insieme di regioni appartenenti al sistema nervoso centrale, tra loro connesse. Agisce nell’integrazione dell’olfatto e della memoria a breve termine; svolge funzioni importanti in relazione alle emozioni, all’umore e al senso di autocoscienza.

Il cervello limbico sovraintende alle relazioni umane. La nostra specie ha avuto la preminenza sulle altre sul pianeta Terra,  perche’ ha la capacita’ di relazionarsi e di agire in gruppo, assieme in cooperazione.

L’uomo non ha particolari capacita’ fisiche che lo distinguono, non sa correre cosi’ velocemente, non ha artigli o zanne, non ha una particolare forza, non sa saltare cosi’ in lungo.  La razza umana possiede solo veramente la attitudine al contatto e alla cooperazione e alla collaborazione sociale.

Questa attitudine alla cooperazione, che e’ uguale in tutte le razze umane, e’ mediata tramite il rinforzo del gruppo attraverso il contatto tattile e il tocco e la affettivita’, attraverso una serie di meccanismi conviviali ben conosciuti. Gli abbracci, le carezze, il contatto sono estremamente importanti per la nostra specie e modulano i nostri neurotrasmettitori in particolare la ossitocina. Noi siamo una specie essenzialmente ossitocinica.

Recentemente l’ossitocina, generata anche dagli abbracci e contatto umano, è stata anche indicata come elemento chiave nelle interazioni sociali e nelle reazioni sentimentali, da questo il soprannome di “ormone dell’amore”.

L’ossitocina difatti aumenta i comportamenti pro-sociali come altruismo, generosità ed empatia e ci porta ad essere più propensi a fidarci degli altri.  Rende le persone più disponibili a occuparsi degli altri e più brave a riconoscere le emozioni. Questi effetti socio-cognitivi emergono in conseguenza della soppressione dell’azione dei circuiti prefontale e corticali, con conseguente abbassamento dei freni inibitori sociali come la paura, l’ansia e lo stress.

L’ormone in questione, quindi, sembra giocare un ruolo significativo nell’elaborazione delle informazioni interpersonali e nel mantenimento dei legami sociali. La capacità di formare relazioni cooperative a lungo termine è una delle premesse fondamentali per l’evoluzione dell’uomo in cui è in gioco l’ormone dell’ ossitocina.

Tocco e abbraccio sono quindi fondamentali per il mantenimento delle relazioni sociali, dell’empatia, delle emozioni, dell’altruismo, abbassano ansia e stress ed e’ importante per il mantenimento delle relazioni stabili.

Allora adesso siamo in piena psicosi allarmistica da coronavirus e tra i tanti atteggiamenti disfunzionali, alimentati manipolativamente dal mainstream e dalla politica, vogliamo porre in atto meccanismi di distanziamento sociale, niente abbracci, niente carezze, tutti separati oltre un metro, bambini abbandonati a se’ stessi, perche’ c’e’ il “virus”, tutti divisi e imbavagliati come mummie, si vogliono adottare nelle scuole braccialetti elettronici che suonano se i bambini si avvicinano sotto il metro!

Qualcuno auspica che questo divenga lo status quo addirittura per i prossimi anni e decenni. Si dice che ci dobbiamo predisporre a un cambiamento culturale stabile. Separazione e divisione. Annulliamo anche la sessualita’ perche’ sai….“c’e’ il virus”.

Il distanziamento sociale  si richiama alla scala di Bogardused che era molto in uso sotto il nazismo. La “Bogardus social distance scale” sollecita nell’essere umano sentimenti affettivi avversi, sviluppa odio fra le persone.

Ma abbiamo quindi capito a livello psicologico e di benessere personale e benessere sociale le gravissime implicazioni emotive, che la politica del distanziamento sociale comporta?

La distruzione dei legami affettivi della nostra specie. L’annullamento delle relazioni umane, l’annientamento della empatia e del contatto e della generosita’.

Occorre una riflessione su questo che va ben oltre le sparate assurde dei vari politici impreparati  e le comiche ramanzine dei governatori e la mera questione esclusivamente economica.

Facciamoci una bella pensata se noi come specie umana siamo riconducibili solo a problematiche economiche o c’e’ dell’altro.

Jose’&Resya – TantraLove

Gli autori di questa pagina sono José & Resya Satchitshanti.