Microcosmo – Macrocosmo – L’Italia come malato in terapia intensiva

Non tutti sanno perche’ solo il 2% dei colpiti dalla sindrome influenzale Coronavirus muore dopo essere stata intubata in respirazione forzata.

Il tantra ci insegna che una risposta troppo bassa o troppo alta a una situazione ci porta spesso, se non sempre, in una condizione negativa disfunzionale. Se non sappiamo esprimere la nostra volonta’ (risposta troppo bassa) e’ disfunzionale come agire una volonta’ troppo aggressiva (risposta troppo alta). Il Tantra ci insegna l’equilibrio del crinale.

Qualche giorno fa abbiamo parlato della risposta troppo bassa del sistema immunitario che ci porta a non resistere al coronavirus e quindi a contagiarci. Ma esiste anche il caso opposto, la risposta troppo alta.

Se il sistema immunitario risponde in maniera troppo efficace alla semplice influenza del coronavirus si scatena la sindrome da rilascio di citochine, cioe’ una eccessiva secrezione di citochine che puo’ scatenare una risposta pericolosa nota come tempesta di citochine (il paziente uno di Codogno ha fatto tre settimane di terapia intensiva tra la vita e la morte per questo motivo).

Questa risposta esagerata e massiva del sistema immunitario (cellule B , cellule T e cellule natural killer, macrofagi, cellule dendritiche e monociti) poi porta il paziente nella di sindrome da risposta infiammatoria sistemica che genera poi il distress respiratorio e a essere necessariamente  intubati in respirazione forzata anche perche’ l’infiammazione sistemica degli alveoli polmonari apre poi le porte alla polmonite virale e a tutte le complicazione di patologia pregresse. Il sistema immunitario attacca se’ stesso.

Il sistema politico italiano si sta comportando allo stesso modo attaccando se’ stesso.

MICROCOSMO COME MACROCOSMO

A una necessaria e utile risposta a una situazione, si sta man mano scivolando esponenzialmente in una sovrarisposta eccessiva infiammatoria sistemica politica di tutto il tessuto cellulare economico/sociale italiano.

Al posto del sistema immunitario come microcosmo, abbiamo che Polizia, Carabinieri, Guardia di finanza e sistema giuridico attivati dal sistema politico, come macrocosmo, stanno strangolando l’intero corpo dello stato Italiano e le sue cellule, i suoi cittadini. Siamo arrivati ora all’assurdita’ della Italia totale come zona rossa.

Cosi’ come i pazienti in terapia intensiva muoiono anche per un eccesso inadeguato di risposta immunitaria, cosi’ come L’italia puo’ rischiare morire per un eccesso allarmistico di risposta politica e delle conseguenze inadeguate come decreti massivi.

Ora 65 milioni di cittadini bloccati. Nemmeno in Cina, nel peggiore momento e nonostante sia di fatto una dittatura, e’ venuto in mente di bloccare tutto lo stato, ma solo le zone necessarie con i focolai (2,5% della popolazione cinese totale). L’italia isolata e in ginocchio. Si ipotizza di chiudere tutte le aziende e bloccare tutti i trasporti, chiudere gli aeroporti.

La mancanza di un intervento e’ devastante come l’eccesso di intervento.

Anche in ospedale quando si cura un paziente occorre stare molto attenti che gli effetti negativi collaterali non diventino maggiori degli effetti positivi della cura. Un attento bilanciamento tra vantaggi e svantaggi.

Negli anni scorsi governi scriteriati hanno tagliato la spesa pubblica medica inneggiando alla privatizzazione sull’onda della assurde mode USA.

In base ai dati Eurostat e Ocse, tra il 2000 e il 2017 (ultimo anno disponibile) nel nostro Paese il numero dei posti letto pro capite negli ospedali è calato di circa il 30 per cento, arrivando appunto a 3,2 ogni 1.000 abitanti, mentre la media dell’Unione europea è vicina a 5 ogni 1.000 abitanti. Nelle terapie intensive, qui ai primi due posti nel 2017 c’erano sempre Giappone (7,8 posti ogni 1.000 abitanti) e Corea del Sud (7,1), seguiti dalla Germania (6,0). L’Italia, con 2,6 posti ogni 1.000 abitanti, superava Stati Uniti (2,4), Regno Unito (2,1) e Canada (1,9). Un taglio del 10% dei posti letto in rianimazione negli ultimi dieci anni e un’ alta diminuzione dei medici specialisti in quest’area ha penalizzato questo settore ospedaliero.

Andiamo sempre nella direzione contraria, aspetto che e’ costante nell’imprinting italiano. Invece di far salire i letti disponibili necessari in terapia intensiva, cosa che sarebbe piu’ logica (come ha fatto anche la Cina) andiamo nella direzione di comprimere la economia mettendo in ginocchio l’intero sistema cercando di inchiodare l’Italia.

L’operazione e’ riuscita peccato che il paziente e’ morto.

Jose’&Resya – TantraLove

Gli autori di questa pagina sono José & Resya Satchitshanti.