Un nemico insidioso, La mente piccola

Nel Tantra viene indicata come Mente Piccola, la Vritti, la mente dai pensieri incessanti, che non si ferma mai, che vuole sempre mettere in discussione tutto e tutti, come un flusso continuo di pensieri disturbanti.
E' evidente che questo stato celebrale, che colpisce maggiormente le persone che hanno un archetipo di carattere mentale, impedisce di vivere il QUI E ORA, cosi' auspicato nel Tantra. 
Si e' sempre sospinti o nel passato, nel riesaminare mentalmente cio' che e' successo o nel futuro , nel proiettare mentalmente cio' che dovrebbe accadere. 
Il Tantra individua cio' come un grave ostacolo per la crescita del se', e numerosi aforismi di insegnamento sono stati scritti riguardo a cio.

"…Quando la mente che separa si assopisce , La Kundalini si sveglia! ,La fonte dei cinque sensi sgorga ininterrotta. L'acqua della presenza continua al mondo e' dolce e io la offro a Shiva. Il fremito perpetuo della coscienza e' lo stato supremo" – Lallasvari mistica tantrica Kashmira

Occorre quindi lavorare sugli stati incessanti mentali razionali/analitici che ci impediscono di entrare in uno stato mentale rilassato e ricettivo, che e' necessarrio per arrivare a stati contemplativi ed estatici tipici del Tantra. 
Il mentale ha l'area della corteccia prefrontale sempre attiva. Quando persone di questo genere vengono a ricevere un massaggio tantrico lo ricevono a occhi aperti, vigili, il corpo e' in all'erta sempre, la mente indaga continuamente nell'intorno. 
A che temperatura sara' l'olio? La mano doveva stare qui e non la'. Il colore delle pareti doveva essere piu' scuro, il futon e' troppo caldo. ecc.ecc. Risulta impossibile rilassarsi, e ovviamente a quel punto non riescono a percepire nulla nel corpo.
A volte accusano proiettivamente l'altro di questa insensibilita' del corpo, che spesso si riscontra anche nella sessualita' con i partner, senza capire che l'origine non va cercata fuori, ma dentro di loro.

Altro aspetto invece e' la mente grande, la mente oceanica che nella sua tranquillita' tutto puo' comprendere.

VRITTI: è un termine che nell'Induismo (in particolare nelle correnti dello Tantra Yoga) definisce le onde di pensieri che la mente genera in modo incessante ed inconsapevole, e che ne impediscono il vero utilizzo, cioè come mezzo per realizzare l'anima. 
Sono ciò che costituisce la frenetica attività della mente, ed essendo la conseguenza di un uso improprio di questo strumento, invece di liberare, per la legge di causa-effetto le vritti agiscono karmicamente legando ancora di più l'anima al mondo manifesto.

Jose'&Resya TantraLove

Share This

Share this post with your friends!